Qualunque sia la vostra opinione personale, o le vostre decisioni in merito alla pratica medica della VACCINAZIONE, siete comunque responsabili della scelta che operate, pertanto avete il diritto-dovere di INFORMARVI.




Sii Saggio: Ricerca - Studia - Medita

Mettendo in pratica cio' che hai scoperto sarai in Buona Salute



Per capire cosa è giusto e cosa è ingiusto, non serve bussare alla porta della scienza… Anche la scienza ha bisogno di regole, non puo’ svilupparsi in modo selvaggio o in aperto contrasto alla morale corrente. Una bio-rivoluzione, come la biotecnologia, rimette in gioco non solo gli aspetti materiali della vita, ma la nostra cultura, la nostra visione del mondo, i nostri valori. Ecco perchè diventa urgente gettare le basi di un nuovo contratto tra scienza e società. Il nuovo contratto deve proporsi anzitutto di mettere al riparo la collettività dai rischi connessi all’uso sconsiderato del DNA ricombinante.


Virus letali & Mass-Media



VIRUS LETALI






  
La salute è un bene prezioso, il più prezioso; soprattutto quando ciascuno di noi pensa anche ai propri figli, al modo migliore per proteggerli. 

Le paure maggiori, le insicurezze più diffuse riguardano proprio la salute: ciò che ci potrebbe accadere se qualche malattia o “accidente” ci minacciasse. Ebbene, approfittare di questa  insicurezza, di questo atavico bisogno di certezze non è etico; chi usa la fragilità dell’essere umano davanti alla malattia lo fa spesso consapevolmente e con l’obiettivo di imporre a quell’essere umano la propria verità, che non e` detto collimi con l’interesse della persona stessa. Chi usa la nostra fragilità di fronte alla malattia, magari amplificandola o guidandola, lo fa spesso con l’intento di utilizzare la nostra paura come strumento di potere e di controllo, per proporsi come guida, unica guida. 

E oggi, sempre più spesso, ad amplificare e guidare le nostre paure sono politici, istituzioni (sanitarie e non), governi che utilizzano con pochi scrupoli quella formidabile cassa di risonanza costituita dai mass-media, termine che nel suo senso letterale significa appunto: “mezzi di comunicazione di massa”. E proprio grazie ai mass-media si creano, spesso ad arte, ansia, paura, angoscia, panico, in una scala d’intensità proporzionale solo all’obiettivo verso cui queste paure sono finalizzate.
Spesso grazie ai mass-media nascono false emergenze, oppure vengono dilatati oltremodo, fino a dar loro connotati di emergenza, accadimenti e realtà che hanno dimensioni estremamente limitate. E su questi, e non su altri, si concentra l’attenzione totale di tutti . Pensiamo, per esempio, all’allarme mondiale scatenato dalla scoperta di alcuni casi di variante del morbo di Creutzfeldt-Jakob, quello che è stato chiamato (pur senza alcuna certezza) la variante umana della Bse, cioè l’encefalopatia spongiforme che colpisce i bovini. I casi sono stati poche decine; così pochi da non poterci nemmeno trarre una percentuale significativa. Eppure tutto il mondo si è mosso, il panico ha travolto tutti, ha modificato le nostre abitudini alimentari, ha indotto i governi ad investire cifre enormi in procedure di controllo che hanno mostrato da subito di essere soltanto un palliativo. 






Quindi, per ponderare bene occorre per un attimo lasciare da parte la percezione emotiva della gravità di quella malattia e chiedersi quale sia la possibilità realistica di contrarla e quale sia la reale causa: possibilità pressoché nulla e causa finora sconosciuta. Ma per mesi, e forse per anni, la Bse e la sua variante umana popoleranno i nostri incubi e influenzeranno le nostre scelte.
Un altro esempio di incubo prodotto artifìciosamente è quello relativo alla minaccia di un uso improprio di virus e batteri letali sulla popolazione da parte di un nemico invisibile. Nel 2001 è scattato un allarme planetario per l’antrace, malattia che può avere sintomi cutanei o respiratori, che veniva definita “arma biologica dei terroristi” a causa della quale si è stati a un passo dal dare per certa una catastrofe, i casi sospetti di antrace nel 2001 sono stati 22 (solo in parte comprovati e accertati) in tutti gli Stati Uniti, su un totale di circa 300 milioni di abitanti; nessun altro nel mondo. Eppure i governi hanno speso cifre esorbitanti per questa emergenza, fino a prova contraria soltanto presunta. 

Il New York Times, verso la fine del maggio 2002, riporta la notizia dell’approvazione all’unanimità da parte del senato americano della ‘legge antiterrorismo”, che ha stanziato 4,6 bilioni di dollari per l’acquisto e lo stoccaggio di farmaci e vaccini, per incentivare le ispezioni sui cibi e rafforzare la vigilanza sull’acqua. Dopo l’attentato alle Torri Gemelle di New York, nel settembre 2001, è scattato anche l’allarme vaiolo; i governi hanno speso milioni di dollari per far scorta di vaccino antivaioloso, ma nemmeno 1 caso al mondo di malattia si è verificato.

Si può dunque ritenere giustificato tale spostamento di mezzi e risorse a fronte di fenomeni che hanno ricadute concrete così contenute?  Le spese non dovrebbero essere proporzionate alle dimensioni del problema che si cerca di risolvere?
Evidentemente non è cosí .  Infatti per altre emergenze (reali, ampie, concrete, sconcertanti.) non si dice nulla e si fa pochissimo. Un esempio ce lo forniscono i dati sulle infezioni che i pazienti contraggono negli ospedali a causa della scarsa igiene e della eccessiva promiscuità: 5000 ogni anno in Italia, un numero esorbitante. Ma di questo nessuno parla, se non raramente. Ne`tanto meno viene ritenuta un’emergenza per la quale stanziare fondi straordinari. Altra reale emergenza è costituita dai pazienti che, una volta ricoverati in ospedale, sono vittime di errori medici o di eventi avversi causati da farmaci. Una stima de il Sole 24 Ore afferma che su 8 milioni di ricoveri ogni anno in Italia le “vittime” di errori medici o malattie indotte da farmaci sono 320.000, cioè I ogni 25. 1 pazienti che muoiono a causa della cattiva organizzazione delle strutture sanitarie sono da 24.000 a 50.000 ogni anno. Sempre secondo li Sole 24 Ore, nel 2008 i morti a causa di ritardi nelle cure e diagnosi sbagliate sono stati 78974. Ma anche su questo non si dice nulla ne` si spende con particolare straordinarietà.
           
Da questi dati si può partire dunque con una riflessione. Occorre tenere sempre a mente che, se si vuole comprendere, è necessario andare oltre le apparenze, bisogna ragionare e ponderare senza lasciarsi mai trascinare dal panico collettivo e senza farsi guidare dall’angoscia generata dall’allarmismo.