Qualunque sia la vostra opinione personale, o le vostre decisioni in merito alla pratica medica della VACCINAZIONE, siete comunque responsabili della scelta che operate, pertanto avete il diritto-dovere di INFORMARVI.




Sii Saggio: Ricerca - Studia - Medita

Mettendo in pratica cio' che hai scoperto sarai in Buona Salute



Per capire cosa è giusto e cosa è ingiusto, non serve bussare alla porta della scienza… Anche la scienza ha bisogno di regole, non puo’ svilupparsi in modo selvaggio o in aperto contrasto alla morale corrente. Una bio-rivoluzione, come la biotecnologia, rimette in gioco non solo gli aspetti materiali della vita, ma la nostra cultura, la nostra visione del mondo, i nostri valori. Ecco perchè diventa urgente gettare le basi di un nuovo contratto tra scienza e società. Il nuovo contratto deve proporsi anzitutto di mettere al riparo la collettività dai rischi connessi all’uso sconsiderato del DNA ricombinante.


Disbiosi intestinale e catarro



ECOLOGIA INTESTINALE


L'intestino, data la sua notevole estensione di contatto con le sostanze alimentari che vi transitano ( circa 300 metri quadrati di superficie ) è forse il più importante dei quattro organi di eliminazione che il nostro organismo possiede ( gli altri tre sono: pelle, polmoni, reni ). Nel colon, il segmento dell'intestino compreso tra l'intestino tenue a partire dalla valvola ileocecale e il retto, si accumulano i residui del bolo alimentare e termina la digestione grazie all'intervento della flora batterica che vi si trova normalmente. Qui sono assorbite numerose ed importanti sostanze: l'acqua, i glucidi e molti medicamenti. L'eubiosi è il bilanciato equilibrio tra i microrganismi e l'ospite che li contiene. Tale stato simbiotico è la normale situazione microecologica del corpo e, in questo caso, dell'intestino. La flora batterica intestinale svolge funzioni importantissime, prima fra tutte la protezione delle placche di Peyer ( una importante frazione del sistema immunitario ). Quando l'equilibrio batterico intestinale viene alterato abbiamo la disbiosi, cioè una condizione in cui sono presenti batteri intestinali abnormi, ma sotto certi aspetti anche questa è una condizione molto comune. La flora batterica intestinale, è composta per il 95% di batteri anaerobi e per il restante 5 % da batteri aerobi
I batteri anaerobi sono: BATTERIOIDI BATTERIO BIFIDO ESCHERICHIA COLI (vari tipi) ENTEROCOCCHI LATTOBACILLI I batteri aerobi: PROTEUS LIEVITI CLOSTRIDI STAFILOCOCCO 

I batteri e l'intestino       


 
Esiste una relazione diretta tra l'attività dei batteri e i tempi di transito colico. In caso di transito colico rallentato, ossia di stipsi, le feci sono troppo secche ( il riassorbimento colico dell'acqua è dell'ordine di 900 - 1400 ml. nelle 24 ore ) e i lattobacilli scompaiono. Poiché i lattobacilli fanno parte della cosiddetta flora intestinale "acida" che costituisce una barriera naturale contro i batteri della putrefazione che si sviluppano meglio in ambiente basico, la loro scomparsa permette la scomparsa della barriera di protezione acida. La flora batterica si riduce, i germi della putrefazione risalgono nell'intestino tenue e provocano fenomeni putrefattivi responsabili di meteorismo e di produzione di composti aminici. Le ptomaine, che sono estremamente tossiche.
La cattiva alimentazione attuale con eccesso di carne e di zucchero, la cattiva masticazione correlata a pasti ingeriti con troppa fretta, sono responsabili di materiali intestinali ricchi di proteine mal digerite, che predispongono allo sviluppo di una flora batterica aggressiva ( in particolare il clostridium perfrigens ).
A partire da queste proteine maldigerite, numerosi aminoacidi subiscono un processo di decarbossilazione che produce le amine tossiche: istidina istamina tirosina tiramina lisina cadaverina ornithina putrescina arginina agmatina cistina e cisteina mercaptano triptofano Molte di queste amine sono dei potenti veleni vasocostrittori, l'indolo e lo scatolo ( metilindolo ) sono sostanze responsabili in gran misura del particolare odore delle feci. 

Le malattie del colon
Le comuni malattie del colon sono dovute principalmente a: - Alimentazione squilibrata - Mancanza di esercizio fisico - Stress Queste malattie possono a loro volta essere così divise:
1. Malattie acute : - diarrea, colite, stitichezza - Infiammazione cronica - putrefazione - diminuzione di lattobacilli
2. Malattie croniche: - diverticoli, polipi, sigmoidite - tossine della putrefazione - aumento della permeabilità della mucosa intestinale

Rapporti di equilibrio della flora batterica
Sembra esserci un fisiologico equilibrio simbiotico tra il gruppo di batteri acidofili-bifidi e gli organismi coliformi. Se predominano i batteri coliformi allora c'è una tendenza della flora a risalire l'intestino verso il tenue; se predomina il gruppo degli acidofili-bifidi (che sono conosciuti come fermentatori dell'acido lattico), allora i batteri coliformi non sono più in grado di funzionare correttamente, poiché il ph intestinale deve essere lievemente alcalino (5,5 - 6) e cambia grazie alla produzione eccessiva di acido da parte degli organismi fermentatori dell'acido lattico.
Se la flora batterica è anomala o non equilibrata la mucosa gastro-intestinale diventa permeabile in modo anomalo, permettendo così l'assorbimento di proteine inadeguatamente frammentate e di riassorbire tossine dai contenuti intestinali. Il 5,82% delle disbiosi sono caratterizzate da alterazioni dell'ESCHERICHIA COLI mentre il 54,18% presenta una pressoché totale mancanza di lattobacilli.

La disbiosi intestinale
La Disbiosi intestinale è un peso in più da sopportare per il paziente già ammalato e può essere l'ostacolo maggiore per la risoluzione dei suoi problemi. In altre parole, la disbiosi può produrre una malattia secondaria. Se si tiene presente che la mucosa gastro-intestinale ha una vasta superficie e di conseguenza una grande capacità di assorbimento di tossine, come necessariamente accade nella disbiosi, non è una cosa sorprendente il fatto che le conseguenze della disbiosi siano molteplici.

Cause della disbiosi
- Utilizzo di antibiotici, corticosteroidi, estroprogestinici, uso indiscriminato di lassativi. - Alimentazione insufficiente dal punto di vista qualitativo e soprattutto con associazione - carboidrati, proteine , frutta, nello stesso pasto, diete carenti di fibra. - Malattie organiche e funzionali del canale gastroenterico (infezioni intestinali e parassitosi) ed - anche disfunzioni del fegato e del pancreas (perché alterano il ph intestinale). - Radioterapia e chemioterapia. - Malattie infettive acute. - Cause inquinanti: coloranti alimentari, conservanti, pesticidi, ormoni steroidei alimentari. - Repentini cambiamenti della dieta. - Variazioni climatiche. 


Funzione dei batteri intestinali
I batteri intestinali possono sintetizzare le vitamine, il batterio bifido produce la B1, l'ESCHERICHIA COLI produce le vitamine B1, B2, B6, acido nicotinico, acido pantotenico, acido folico, vitamina B12, vitamina K, biotina. Nelle disbiosi la maggior parte delle vitamine prese per bocca, sia nel cibo che come integratore alimentare, sarà assorbita dalla anomala flora batterica con conseguente ipovitaminosi.

Malattie nelle quali la disbiosi è riconosciuta come causa principale o favorente 

- Disfunzione fegato vie biliari e pancreas - Diarrea o stitichezza - Acne, eczemi, malattie allergiche (asma, febbre da fieno, orticaria, ecc.) - Anemia - Reumatismi - Esaurimento nervoso associato a mal di testa, irritabilità e stanchezza eccessiva - Depressione - Ipovitaminosi - Infezioni da funghi, in particolare Candida - Mancanza generale di resistenza e predisposizione a infezioni ricorrenti. Flatulenze.
1 ) Rallentamento del transito intestinale 2 ) Alimenti maldigeriti : insufficiente masticazione eccesso di grassi eccesso di proteine eccesso di zuccheri 3 ) Ansia - nervosismo - Stitichezza.
Si definisce stitichezza un allungamento del tempo di transito intestinale superiore a 12 - 16 ore. Qualsiasi occasione di stitichezza determina un incremento di tossine prodotte nell'intestino, in particolare ad opera delle flora putrefattiva su residui proteici maldigeriti Questo può portare a livello: - ORL infezioni a ripetizioni - Epatico emicranie, nevralgie - Cutaneo dermatiti e dermatosi - Urinario cistiti - del sangue stato di acidosi Principali fattori causali: - carenza fibre alimentari - riduzione secrezione biliare - ridotta assunzione di acqua - stress - scarso esercizio fisico ( specie dei muscoli addominali ) Ulcere e fistole anali Quasi sempre secondarie a irritazione della mucosa per: - Emorroidi - Feci irritanti ( ph) - Carenze vitaminico-minerali Emorroidi Condizione di stasi venosa nelle vene emorroidali del retto e dell'ano. - Stitichezza - congestione epatica o ipertensione portale debolezza vascolare generale.
In caso di emorroidi pensare quindi alla coppia: Fegato/intestino e sistema vascolare  - Diarrea Evacuazioni numerose e rapide di feci liquide. E' da intendersi come un meccanismo difensivo dell'organismo per eliminare un eccesso di tossine prodottesi nel colon di cui irritano le pareti, o per un eccesso di tossine provenienti da un altro organo. 

Principali fattori causali
- Sovraccarico alimentare ( grassi, proteine, zuccheri raffinati ) - Carenza di enzimi digestivi ( alimenti maldigeriti ) - Farmaci irritanti ( es. antiinfiammatori ) - Putrefazioni o fermentazione eccessive - Paura, ansietà A seconda del livello intestinale interessato tenue : feci un po' vischiose e giallastre ceco : feci schiumose, acide e giallastre colon sinistro : feci brunastre Parassitosi intestinale - Proliferazione intestinale di parassiti : ossiuri, lamblia - Alimenti infestati - Colon indebolito Sintomi clinici - colite, diarrea - emicranie, nausee, stanchezza, nervosismo, irritabilità e prurito.

La tossiemia intestinale
Fonte dell'autointossicazione organica La tossiemia intestinale è una forma di avvelenamento del sangue e della linfa che è dovuto all'assorbimento di tossine o di microrganismi da parte delle cellule danneggiate della mucosa intestinale. Numerosi sono quelli che avanzano l'ipotesi che è necessario che vi sia distruzione della membrana mucosa perché i batteri e le tossine possano entrare nel sistema sanguigno e linfatico. Tuttavia è stato dimostrato che le proteine, gli idrati di carbonio, i sali, i minerali e simili sono facilmente assorbiti dal colon. Certe forme di alimentazione aumentano la permeabilità della mucosa intestinale come viene dimostrato dalla Dottoressa Catherine Kousmine e dalla Medicina Antroposofica di Rudolph Steiner e dal Prof. Arnold Ehret .
Dunque, i batteri e i veleni sono capaci di penetrare nella circolazione sanguigna e linfatica in condizioni dette di "vita normale". La straordinaria quantità di batteri presenti nel colon fanno di questi la fonte primaria di focolai d'infezione nel corpo. La stasi intestinale, condizione creata dal passaggio molto lento del contenuto intestinale, aumenta l'assorbimento sistematico dei batteri e delle tossine. A seguito di disordini intestinali possono insorgere infezioni situate lontano dal colon stesso: denti, cavità, tonsille e prostata.
Un intestino atonico e intossicato può essere responsabile di malattie che in apparenza non hanno una diretta relazione con esso. Il Dr. Sexton, un grande specialista americano, afferma che la putrefazione intestinale comporta una diminuzione del potenziale immunitario e dei meccanismi di difesa. Suggerisce inoltre che la flora può divenire patogena quando il ristagno e la putrefazione divengono cronici. Le tossine del metabolismo batterico penetrano nel flusso circolatorio e infettano altri organi. Ha scoperto che i batteri come gli streptococchi e gli stafilococchi, abitanti naturali del colon, sono responsabili di numerose malattie generali come l'artrosi, l'acne, l'ipertensione, i mal di testa e la psoriasi a causa del loro eccessivo aumento in periodo di tossiemia intestinale. Questi dati sono stati stabiliti dopo aver seguito 314 casi per problemi di colite.
Il Dr. Bassler descrive situazioni in cui sostanze non desiderabili per l'organismo sono assorbite dall'intestino mentre nutrimenti indispensabili non lo sono affatto. Afferma che ciò può condurre a una malnutrizione, a una tossiemia intestinale che genera diarrea, stipsi, colite acuta e cronica. Il Dr. Wiltsie, rinnovatore con il Dr. Waddington dell'idrocolonterapia considera che le turbe del sistema nervoso autonomo sono una causa essenziale della tossiemia intestinale. Questi problemi possono essere di tre tipi: 

Turbe del sistema nervoso centrale
Molte persone nervose, ansiose e stressate dalla vita contemporanea, lavorano e vivono in virtù della loro energia nervosa. Questa tensione permanente trattenuta per mezzo di eccitanti, stimolanti, antidepressivi e altri sostegni chimici, genera un'ansia cronica e problemi gastrointestinali tali come la stipsi e gli spasmi del colon. Ogni attacco provoca indebolimento instaurando a breve termine una intossicazione intestinale generale. 

Turbe d'origine endocrina
Un sistema nervoso simpatico instabile provoca una scarica di adrenalina anche quando lo stimolo è mite, causando in seguito un colon spasmodico e vagotonico. Turbe d'origine psichica Inconsciamente, un individuo sceglie a volte d'essere malato per attirare l'attenzione. In questo caso la terapia migliore è una terapia d'ordine psicologico. Il sistema nervoso autonomo può certamente causare danni importanti all'equilibrio psichico ed alla stessa salute.
In questo preciso caso è possibile associare delle sedute di idrocolonterapia a delle sedute di psicoterapia. Disordini del sistema nervoso autonomo così come le infezioni localizzate, le allergie e le carenze nutrizionali possono causare una tossiemia cronica. I vari cambiamenti nelle vicinanze dell'intestino intaccano direttamente o indirettamente il funzionamento del colon creando delle modificazioni nel metabolismo dei batteri che vi risiedono che possono aumentare di numero aggravando la situazione oppure fermare la loro azione e ciò comporterebbe un disordine funzionale della produzione di vitamine del gruppo B e K, della peristalsi intestinale o dell'assorbimento dei minerali, tutto ciò porta una tossiemia intestinale cronica se non viene trattata l'infezione primaria.
Se ciò non sarà fatto, si permetterà ai veleni ed alle tossine di penetrare di nuovo nel sistema portale e di ritornare al fegato. Il fegato può indebolirsi fino al punto che un aumento di pressione nella vena porta può infiltrare il sangue infetto nelle anastomosi emorroidali per mezzo delle vene iliache e cave con conseguente intossicazione della circolazione generale del corpo. Il sangue che raggiunge il fegato non è totalmente pulito, allora le tossine penetrano ancora di più nella circolazione generale.

Tossiemia intestinale e allergie
Certi individui possono diventare allergici a certi elementi della loro propria flora intestinale. Il Dr. Traut ha evidenziato la relazione tra l'artrite e l'allergia isolando degli streptococchi del sangue al 70% dei suoi pazienti artritici. Per il Dr. Waddington, la causa più diffusa dell'artrite è l'assorbimento di batteri che generano putrefazione nell'intestino. Il Dr. Wiltsie sostiene che l'allergia è la causa delle infezioni che provocano una immunità lenta o poco sviluppata. Dichiara che questi ammalati, come pure altri, possono migliorare o guarire completamente per mezzo dell'idrocolonterapia, di una adeguata alimentazione, del riposo e della distensione. L'intossicazione intestinale causata dall'allergia a certi alimenti non può scomparire che evitando di consumarli. La desensibilizzazione e l'immunità sono in genere insufficienti a trattare questo tipo di patologie.

La stasi fecale, principale causa di intossicazione
La stasi, dovuta unicamente a cause meccaniche, è un fattore che predispone a una intossicazione intestinale cronica. Le evacuazioni poco frequenti e irregolari producono alterazioni che ritardano la progressione delle materie fecali e dunque creano nuovamente delle condizioni di stasi. Una intossicazione intestinale può essere ugualmente aggravata da carenze nutrizionali come acqua, proteine, minerali, sali e vitamine (I fast food, denunciati recentemente dall'O.M.S., sono un esempio lampante di scarso potere nutrizionale).
L'apporto nutritivo e la sua relazione con l'attività metabolica, il suo assorbimento, la necessità quotidiana e la sua utilizzazione possono essere tutte possibili cause di debolezza nel processo alimentare. Un cattivo funzionamento a uno qualsiasi di questi livelli può innescare una intossicazione intestinale. Un colon inattivo comporta inevitabilmente una modificazione della flora intestinale, creando una grande produzione di tossine. In condizioni normali non vi è all'interno dell'intestino crasso alcun assorbimento così rapido come nell'intestino tenue e nello stomaco. Tuttavia, durante la stasi fecale o setticemia, esiste una pressione gassosa fortemente aumentata correlata ad infiammazione. In queste condizioni di eccessiva pressione ed alterazione della mucosa si effettua un assorbimento considerevole di batteri e dei loro veleni. La presenza di questi veleni a livello cellulare riduce la resistenza di ogni organo e di ogni tessuto organico.